Il venditore di medicine

Regia Antonio Morabito
Prod. Luna Film  2012
Alexa Studio

Il Venditore è un film in cui la macchina da presa alterna rari momenti di distanza, in cui “osserva” quello che accade a situazioni di presenza al limite dell’invadenza. E’ un film su un’ossessione, i sentimenti sono distaccati e nascosti.
Tranne un paio di inquadrature è un film girato interamente con macchina a mano, una scelta ricercata che viene da una scelta del regista che chiedeva immediatezza e istinto, gli attori liberi e sequenze con pochi tagli.
Sicuramente l'alexa studio non è l'ideale per la macchina a mano ma potevamo permetterci solo quella e così è stato, l'alexa era la macchina giusta per contrasti e nitidezza e in fase di color ha mantenuto le promesse.

La macchina da presa segue il protagonista, a tratti lo incalza e si intromette al suo posto, ha uno sguardo proprio, ma poi si ferma, come ad ammettere i propri limiti.

La prima sequenza, ci saranno solo due carrelli in tutto il film, in questo caso è quasi una dichiarazione di guerra e il protagonista viene rilevato di spalle alla fine del carrello.

Anche in questo caso una lunga macchina a mano, come in tutto il film, perché la macchina da presa è un elemento vivo della narrazione, non descrive ma interagisce nella scena.

In Portfolios